Cerca
categorie
News ed eventi

Cosa fare d’estate a Cesenatico

Sono tantissime le cose da fare d’estate a Cesenatico, l’importante è partire carichi di entusiasmo, con la voglia di andare alla scoperta delle meraviglie del luogo attrezzati con un po’ [...]

Leggi tutto >>

Bed and Breakfast, soluzione perfetta per visitare i Castelli Romani

Il bed and breakfast è assolutamente la soluzione perfetta per visitare i Castelli Romani. Non c’è quasi tempo per altro se avete deciso di andare in esplorazione, si parte al [...]

Leggi tutto >>

Le Colline del Chianti

La Toscana è considerata una delle regioni più belle, non solo d’Italia, ma del mondo. Bellezza nella bellezza, in Toscana, troviamo una vasta area collinare, tra Firenze e Siena, denominata [...]

Leggi tutto >>

La Giornata FAI di Primavera festeggia l’Italia il 26 e 27 marzo

Date evento: dal 26 marzo 2011 al 27 marzo 2011
Località evento: 

Torna il 26 e 27 marzo la Giornata Fai di Primavera che quest’anno si svolgerà il 26 e 27 marzo in ben 660 località sparse in tutte le Regioni italiane. Un appuntamento importante che quest’anno festeggia la sua diciannovesima edizione e che, come sempre, viene organizzato dal FAI, il Fondo Ambientale Italiano, in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento della Protezione Civile, con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Saranno ben 660, in tutte le regioni italiane, le località, i luoghi di interesse artistico, storico ed ambientale coinvolti che in occasione di questa due giorni resteranno aperti, offrendo ai propri visitatori dei percorsi speciali che permetteranno di riscoprire le mille bellezze del Bel Paese. Una iniziativa, quindi, di grande rilievo attraverso la quale il FAI vuole contribuire in maniera significativa alla riscoperta del patrimonio del nostro paese, coltivando ed incentivando la passione degli italiani per le ricchezze, troppo spesso dimenticate, del paese. Particolarmente significativo sarà poi questo appuntamento primaverile, visto che la Giornata FAI sarà dedicata ai 150 anni dell’Unità d’Italia. Non a caso, saranno 150, proprio come gli anni di unità, le visite a tema tra le quali scegliere, con un occhio di riguardo nei confronti di tutti quegli itinerari che permetteranno di riscoprire i luoghi simbolo del Risorgimento. Anzi proprio alla valorizzazione e alla diffusione di quei luoghi che hanno fatto la storia del nostro paese, il FAI si propone di celebrare quei cittadini comuni che con la loro sola forza si sono trasformati in quegli eroi che hanno poi creato l’Italia unita, non solo come entità territoriale ma anche e soprattutto come “ideologia”. Rievocando i sacrifici dei nostri antenati il FAI vuole, infatti, soprattutto contribuire alla fortificazione di quell’idea di entità nazionale che mai come negli ultimi tempi si è andata sempre più incrinando a favore dei particolarismi e degli “orgogli” provinciali. L’obiettivo della Giornata FAI di Primavera è quindi doppiamente ambizioso: riscoprire, proteggere e valorizzare il nostro patrimonio culturale e ritrovare allo stesso tempo quell’identità culturale, di stile e di civiltà che ha permesso all’Italia di giocare per molto tempo un ruolo di primo piano nel panorama Occidentale. Proprio per celebrare l’Unità nazionale si è deciso di destinate 150 dei 660 luoghi alla celebrazione del Risorgimento, creando un percorso che si dipana in tutt’Italia.; a Reggio Emilia sarà ad esempio possibile vedere il luogo dove nacque la bandiera nazionale o visitare a Savona la Fortezza Priamar, dove venne imprigionato Mazzini e dove venne ideata la Giovine Italia. Tanti luoghi insomma per celebrare un paese che ha bisogno di riscoprire la propria storia, valorizzando e riscoprendo allo stesso tempo quel vastissimo patrimonio culturale che può rappresentare un punto di forza dell’identità nazionale e della rinascita economica del paese.