Cerca
categorie Punti di interesse

Scavi di Sibari

Le prime esplorazioni archeologiche che portarono poi all’identificazione degli Scavi di Sibari, ebbero inizio nei primi anni del Novecento ad opera di due archeologi, Umberto Zanotti Bianco e Paola Zancati [...]

Leggi tutto >>

Laguna di Grado

La laguna di Grado si colloca nella zona dell’Alto Adriatico e si estende da Fossalon di Grado sino all’Isola di Anfora. Nel complesso la laguna occupa una superficie di circa [...]

Leggi tutto >>

Stadio San Nicola

Lo stadio di San Nicola è il più importante impianto sportivo della città di Bari, oltre ad essere uno degli stadi più grandi d’Italia con i sui 58.270 posti a [...]

Leggi tutto >>

Castel dell’Ovo

Regione: Campania
Località: Napoli

Castel dell’Ovo, o Castrum Ovi, è ancora oggi considerato come il castello più antico della città di Napoli, la cui costruzione sembra risalire addirittura al I secolo a.C.
Il nome di questo monumentale castello, che sorge nel quartiere Ferdinando e Chiaia, proprio difronte al celebre panorama del Golfo, deriva da un’antica leggenda secondo la quale il poeta latino Virgilio, che durante il Medioevo veniva considerato un mago, nascose proprio nelle segrete dell’edificio un uovo che aveva il compito di mantenere in piedi l’intera fortezza. La sua rottura, continua la leggenda, avrebbe provocato il crollo di tutto l’edificio, oltre ad una serie di innumerevoli sciagure per la città di Napoli.
Probabilmente l’impressione suscitata da questo mito ha consentito al castello di mantenere immutato per secolo il suo nome, tramandandosi sino ad oggi.
Nel corso dei secoli Castel dell’Ovo è passato sotto il controllo e il dominio di signori diversi; nel corso del XIV secolo la costruzione andò incontro ad una serie di ingenti danni a causa del crollo parziale dell’arco sul quale era poggiato. L’evento suscitò molta paura e preoccupazione tra popolazione sino al punto che l’allora regina, Giovanna I, dovette giurare di aver sostituito l’uovo.
Negli anni il castello ha subito comunque una serie di interventi più o meno importanti che ne hanno in parte eclissato l’originario aspetto normanno e deformato la linea architettonica originaria soprattutto a causa dei massicci lavori di restauro avviati durante il periodo angioino e aragonese.
Castel dell’Ovo si erge sull’isolotto roccioso di Megaride, costituito da due faraglioni uniti tra di loro da un grande arco naturale, mentre sotto il castello si estende il Borgo Marinaro e il suo porticciolo, mentre un piccolo ponte congiunge l’isolotto a Via Partenope, strada che porta il nome della mitica sirena della città di Napoli.
Oggi questa zona è ricca di ristoranti e di cafè, tra i quali molti storici in quanto inaugurati all’inizio del ‘900 come ad esempio il Cafè Chantants, l’Eldorado e il Santa Lucia, un tempo location di spettacoli teatrali e punti di incontro di grandi artisti come Salvatore di Giacomo, Roberto Bracco e Edoardo Scarfoglio.
Oggi Castel dell’Ovo è stato adibito ad accogliere convegni e cerimonie, mentre per i turisti è possibile visitare le due torri, dette Normandia e Maestra, i resti della Chiesa di San Salvatore, una magnifica sala gotica ricoperta da volte, la loggia ogivale del ‘300 nell’800 trasformata in cappella, una Sala Colonne, le celle dei monaci e il cosiddetto carcere della regina Giovanna e al grande terrazzo.

Prezzi e Periodo di visite
Castel dell’Ovo è visitabile tutti i giorni, nei giorni festivi solo la mattina in maniera totalmente gratuita

Come arrivare:
In auto: Arrivare su Via Caracciolo e proseguire a piedi per 5 minuti
Con i mezzi pubblici: Con gli autobus;
Se partiamo da Piazza Garibaldi possiamo prendere i bus 152 – R2 – 201 che in meno di 15 minuti ci porteranno nelle immediate vicinanze del castello.
Se invece partiamo dalla zona flegrea possiamo prendere i bus R7 – C18 – 152

Nelle vicinanze (in un raggio di 1 Km)

Hotel vicino Castel dell’Ovo

Fatal error: Call to a member function fetch_object() on a non-object in /var/www/gh.ryhab.com/wp-content/themes/grandihotel/poicontent.php on line 120 Call Stack: 0.0001 646872 1. {main}() /var/www/gh.ryhab.com/index.php:0 0.0002 653608 2. require('/var/www/gh.ryhab.com/wp-blog-header.php') /var/www/gh.ryhab.com/index.php:17 1.0326 95488184 3. require_once('/var/www/gh.ryhab.com/wp-includes/template-loader.php') /var/www/gh.ryhab.com/wp-blog-header.php:16 1.0334 95503792 4. include('/var/www/gh.ryhab.com/wp-content/themes/grandihotel/index.php') /var/www/gh.ryhab.com/wp-includes/template-loader.php:61 1.1386 96000200 5. include('/var/www/gh.ryhab.com/wp-content/themes/grandihotel/poicontent.php') /var/www/gh.ryhab.com/wp-content/themes/grandihotel/index.php:26