Cerca
headregioni
News ed eventi

Insert-Coin 2011: dal 3 al 31 dicembre a Cosenza

Si terrà dal 3 al 31 dicembre presso la Sala Angela Mazzuca della Galleria Nazionale di Palazzo Arnone a Cosenza, l’edizione 2011 di Insert-Coin, mostra dedicata al retrogaming ovvero alle [...]

Leggi tutto >>

Peperoncino Jazz Festival a Cosenza

Si rinnova anche quest’anno l’appuntamento con il Peperoncino Jazz festival che si svolgerà a Cosenza dal 21 luglio al 29 agosto. La kermesse festeggia quest’anno la sua decima edizione e [...]

Leggi tutto >>

Sentieri del Suono dal 22 al 29 dicembre a Reggio Calabria

Torna quest’anno nelle terre dell’Aspromonte, Sentieri del Suono la bella manifestazione di musica itinerante che si propone come obiettivo quello di far riscoprire e di valorizzare i suoni e le [...]

Leggi tutto >>

Informazioni turistiche su Amantea

Amantea è uno dei centri più animati e commercialmente più attivi del Tirreno Cosentino. Questa bella località balneare si snoda lungo 13 chilometri di costa, il che le consente di avere un clima particolarmente mite per quasi tutto l’anno. I confini naturali di Amantea sono delimitati da Belmonte Calabro a nord, da Nocera Terinese a sud e da alcune cime della Catena Costiera a est, mentre ad ovest si affaccia sul mar Tirreno. Il toponimo deriva probabilmente dalla parola greca “Amantia”, nome di una città dell’Epiro e della Macedonia, sebbene secondo altre fonti il nome deriverebbe dal latino “Amans-Amantis”. Amantea può vantare delle origini piuttosto antiche, visto che si ritiene che nei dintorni dell’odierna città sorgesse in epoca magno-greca l’antica città di Temesa e quella di Clampetia, unico sinus della costa tirrenica cosentina. Quando approdarono in questi luoghi, i bizantini fondarono la città di Nepetia, proprio nell’area ove oggi sorge la parte più antica di Amantea. Neptia venne successivamente conquistata dagli arabi ed eletta capitale di emirato con il nome di Al-Mantiah; il dominio arabo durò circa cinquant’anni, ovvero sino a quando Niceforo Foca non riconquistò la città e le ridiede il nome di Amantea. Nei secoli successivi Amantea fu sede vescovile, almeno sino a quando non venne incorporata, agli inizi del ‘400, alla Diocesi di Tropea. La città subì solo per un breve periodo nel corso del XVII secolo il potere feudale, mentre intorno al 1799 venne occupata dalle truppe francesi, per poi divenire, nel 1861, un comune del Regno d’Italia. Duramente colpita dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, Amantea venne completamente ricostruita sulle macerie e fu proprio in questa occasione che la città conobbe un notevole ampliamento verso il mare, il che le permise di affermarsi come nota località balneare.

Da vedere

Molti i luoghi da visitare in città, iniziando da quella che può senza dubbio essere considerata come la costruzione cittadina più importante, vale a dire la Chiesa di S. Bernardino da Siena, le cui origini sono quattrocentesche, così come quelle dell’annesso Convento dei Minori Osservati. Da notare in questo edificio, oltre alla bella facciata con decorazioni di manifattura arabo-siciliana, sono le strutture gotiche dell’interno e la “Madonna col Bambino”, un magnifico dipinto di Gagini del 1505. Nel cuore del centro storico si può invece ammirare la Parrocchiale di S. Biagio, del 1677, mentre appena fuori dalla città ci si imbatte nel Convento dei Francescani, fondato tra il XIII-XIV secolo. Tra gli altri edifici religiosi bisogna ricordare l’ex-Chiesa di San Francesco d’Assisi, le cui origini risalgono all’insediamento in questi luoghi di una comunità di religiosi basiliani, la Cattedrale della Pinta o della Campana, ovvero l’antica cattedrale cittadina, e la Chiesa di Santa Sofia, della quale rimangono però solo dei resti. Tra le architetture civili vale la pena visitare il Palazzo delle Clarisse, il Palazzo Mitabelli, il Palazzo Mileti, il Palazzo Florio e il Palazzo Cozza, mentre nel punto più alto della città è possibile ammirare il Castello, le cui origini sono bizantine-romane, ma che venne ampliato nel corso del XV secolo e successivamente rimaneggiato da Carlo V nel corso della dominazione spagnola. Tra gli eventi più importanti si ricordano la Festa Patronale di Sant’Antonio da Padova, la Festa di San Giuseppe, il Carnevale e i Riti della Settimana Santa, mentre per quanto concerne la gastronomia Amantea è nota soprattutto per il Boccunotto, un dolce a forma di barchetta ripieno di cioccolata e spezie.

Foto di Amantea

Località nella stessa regione

Strutture in rilievo

TENUTA MAURI
Agriturismo NOCERA TERINESE