Cerca
headregioni
News ed eventi

Le Colline del Chianti

La Toscana è considerata una delle regioni più belle, non solo d’Italia, ma del mondo. Bellezza nella bellezza, in Toscana, troviamo una vasta area collinare, tra Firenze e Siena, denominata [...]

Leggi tutto >>

Ibiza tra spiagge e divertimento notturno, qualche consiglio per vivere l’isola a trecentosessanta gradi

Ibiza è una delle isole più famose del mondo, un luogo incantevole in cui le spiagge si susseguono l’una dietro l’altra offrendo delle giornate di assoluto relax e panorami mozzafiato, [...]

Leggi tutto >>

Estate 2013, alla scoperta delle spiagge più belle d’Italia

Molte persone credono che sia necessario andare all’estero per riuscire a vivere una vacanza di mare davvero eccezionale. Niente di più sbagliato, ci sono dei luoghi di mare in Italia [...]

Leggi tutto >>

Informazioni turistiche su Parco Nazionale della Sila

Nato dopo il Parco Nazionale del Pollino e il Parco Nazionale dell’Aspromonte, il Parco Nazionale della Sila è il terzo parco in ordine cronologico della Calabria. Situato nel cuore della Sila, il Parco interessa ben tre delle cinque province calabresi e precisamente la Provincia di Catanzaro, la Provincia di Cosenza e quella di Crotone, mentre la sua istituzione ufficiale risale al 1997 dopo un lungo iter burocratico iniziato nel 1923 quando si cominciò a parlare anche in Italia di aree protette. Attualmente il Parco Nazionale della Sila è considerato uno dei più importanti dal punto di vista della biodiversità, visto che al suo interno sono salvaguardate importanti specie animali e vegetali. Simbolo del parco è il lupo, specie oggi protetta, mentre la superficie boschiva raggiunge circa l’80% del totale, senza contare il fatto che all’interno del parco sono situati tre dei sei bacini artificiali presenti sull’altopiano silano. La Sila è infatti la parte territoriale più piovosa della Calabria ed è per questo che qui sono concentrati i principali bacini idrici del territorio ma anche i fiumi d’acqua regionali più considerevoli. Gli attuali laghi silani sono per la maggior parte artificiali, la cui costruzione risale alla prima metà del secolo scorso. Tra i principali corsi d’acqua che attraversano il territorio del Parco sono da ricordare il fiume Crati e il fiume Neto, i due più lunghi della Calabria, mentre tre sono i laghi e precisamente il lago Ampollino, il lago Arvo e il lago Ariamacina, senza considerare il lago Votturino un bacino oggi vuoto. Per quanto riguarda il territorio, il perimetro del Parco abbraccia tutte e tre le regioni silane, ovvero la Sila Greca, la Sila Grande e la Sila Piccola, sebbene le aree più coinvolte siano la Sila Grande e quella Piccola, ed interessa 25 comuni dislocati tra le tre province. Per quanto riguarda i centri storici di maggior interesse artistico si devono citare il comune di Longobucco, di Magisano, di Zagarise e in particolare di Taverna, dove è possibile visitare il Museo Mattia Preti e le Chiese di San Domenico e di Santa Barbara. Altro centro storico di interesse è Rossano dove sorge la Chiesa di San Marco, di origini bizantine, e la Cattedrale di Maria Santissima Archiropita e numerosi palazzi nobiliari. Il centro principale della Sila è San Giovanni in Fiore, che possiede uno dei centri storici più estesi della Calabria e un ricco patrimonio artistico che annovera monumenti come la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, la Chiesa di Santa Maria della Sanit, il Convento dei Padri Cappuccini e l’Abbazia Florense.
Molto variegato e ricco il paesaggio silano che è la risultante del particolare ambiente fisico sul quale si è adattata una fauna diversificata e una vegetazione molto complessa che hanno permesso la formazione di sistemi interagenti. Da segnalare nell’ambito del Parco anche la presenza di numerose aziende agro-silvo-pastorali, specializzate nella produzione di ortaggi e frutti e soprattutto della patata silana, alla quale è stato riconosciuto il marchio I.G.P. nel 2010.

Foto di Parco Nazionale della Sila

Località nella stessa regione

Strutture in rilievo