Cerca
categorie headregioni

Punti di interesse - Monumenti

Le prime esplorazioni archeologiche che portarono poi all’identificazione degli Scavi di Sibari, ebbero inizio nei primi anni del Novecento ad opera di due archeologi, Umberto Zanotti Bianco e Paola Zancati Montuorno, che furono i primi ad identificare i resti di antiche costruzioni, prevalentemente di epoca romana, all’interno del Parco del Cavallo. Fu questo l’inizio di un’esplorazione archeologica molto più accurata che nel 1932 portò all’identificazione dell’antica Sybaris, antica e ricchissima colonia
Castel dell’Ovo, o Castrum Ovi, è ancora oggi considerato come il castello più antico della città di Napoli, la cui costruzione sembra risalire addirittura al I secolo a.C. Il nome di questo monumentale castello, che sorge nel quartiere Ferdinando e Chiaia, proprio difronte al celebre panorama del Golfo, deriva da un’antica leggenda secondo la quale il poeta latino Virgilio, che durante il Medioevo veniva considerato un mago, nascose proprio nelle segrete
Il Forte di Fenestrelle è un magnifico complesso fortificato la cui costruzione risale al 18esimo secolo, presso la località di Fenestrelle in Val Chisone. A causa delle sue dimensioni e del particolare sviluppo della sua architettura lungo il fianco sinistro della valle si è soliti definire il Forte di Fenestrelle anche come la grande muraglia armata piemontese. Nel 1999 il Forte di Fenestrelle è stato eletto simbolo della Provincia di Torino
Il castello di San Giusto si erge proprio sulla sommità dell’omonimo colle, ai lati dei resti del Foro e della Basilica. La sua costruzione è stata ultimata in circa due secoli, precisamente tra il 1470 e il 1630, e la sua edificazione risulta strettamente correlata alla storia politica e allo sviluppo della città. Le prime fondamenta del Castello di San Giusto vennero gettate nel 1363 dai veneziani in seguito alla
Situato a circa 4 chilometri da Assisi, l’Eremo delle Carceri è il luogo dove San Francesco ed i suoi seguaci si ritirarono per vivere una vita di preghiera e di meditazione. Il complesso monumentale, che assunse il nome di Eremo delle Carceri proprio per indicare la volontà di San Francesco e dei suoi seguaci di “rinchiudersi” nel silenzio e nella meditazione, sorge a 791 metri di altezza, proprio sulle
Il Castello di Lagopesole si colloca sulla parte più alta dell’omonima città, una piccola frazione di Avigliano in Provincia di Potenza. Si tratta di uno dei castelli normanni più importanti del sud Italia la cui costruzione fu voluta da Federico II di Svevia che ne fece la sua residenza di caccia nonché fortezza di difesa. Il castello fu anche sede dei lunghi soggiorni estivi di Manfredi, per poi passare
Il Ponte Vecchio attraversa il fiume Arno nel suo punto più stretto ed è considerato uno dei simboli della città di Firenze, forse l’immagine più fotografata della città. Firenze ha sei ponti di cui Ponte vecchio è il più antico, infatti la prima costruzione risale all’epoca romana, in legno. Distrutto più volte da varie alluvioni fu costruito inizialmente a cinque arcate e poi ridotto a tre. Sotto i portici già all’epoca erano presenti
Dedicato a San Francesco da Paola, il Santuario omonimo sorge proprio ai piedi dell’Appennino Paolano e si presenta come un monumentale edificio seicentesco, realizzato prevalentemente in pietra locale. Il santuario rappresenta ancora oggi una delicata e raffinata unione di stili diversi che vedono intrecciarsi e sovrapporsi l’architettura rinascimentale e quella barocca. Sulla facciata principale, che da sulla piazza, di possono infatti distinguere entrambi gli stili con la seguente suddivisione: rinascimentale
Il Santuario della Madonna Addolorata, patrona del Molise, sorge ai piedi del Monte Petalecchia, in località Castelpetroso. Tutto ebbe inizio nel 1888 quando la Vergine Maria apparve in visione a due donne del luogo, ripetendo l’apparizione anche ad altri fedeli nei giorni successivi al punto tale che alla fine il fenomeno venne pubblicamente riconosciuto anche dalle istituzioni ecclesiastiche. In particolare fu dopo la guarigione del figlio di Carlo Acquaderni, a
Il Duomo di Catanzaro sorge sull’omonima piazza, sui resti di un antico edificio, la Cattedrale Normanna, eretta nel 1121ed intitolata all’Assunta e agli apostoli Pietro e Paolo. Di questo impianto originario oggi non resta purtroppo nulla, solo un’immagine raffigurata nel quadro della Madonna della Ginestra, oggi custodito presso il Museo Provinciale. Ristrutturato nel 1511 dal Vescovo Tornafranza in stile normanno, l’edificio venne nuovamente distrutto da un terremoto nel 1638 e
Pagina 1 di 512345