Cerca
headregioni
News ed eventi

Carnevale sull’acqua: dal 12 al 19 febbraio a Comacchio

Si svolgerà dal 12 al 19 febbraio a Comacchio l’appuntamento con il Carnevale sull’acqua, evento che si propone di festeggiare il Carnevale puntando proprio su una delle più pregnanti caratteristiche [...]

Leggi tutto >>

Informazioni turistiche su Comacchio

Comune di circa 23mila abitanti in Provincia di Ferrara, Comacchio viene considerato come uno dei centri più importanti del Delta del Po, le cui origini risalgono a circa duemila anni fa, sebbene la città sia stata fondata probabilmente dagli Etruschi che in questa stessa area fondarono la città di Spina. Comacchio sorse dall’unione di ben 13 piccole isole, ed in seguito alla caduta dell’Impero Romano d’Occidente, entrò a far parte dell’Esarcato d’Italia, per poi passare sotto il controllo del Regno Longobardo che in seguito donarono il borgo ai monaci di San Colombano nel grande feudo monastico di Bobbio, che qui istallarono il porto fluviale e diedero vita alla pratica dello sfruttamento delle saline, il cui sale veniva esportato in tutto il Nord Italia. Tra il VI e il IX secolo Comacchio dispose di una delle flotte più potenti dell’Adriatico, entrando in concorrenza con Venezia che, non accettando la competizione, la invasero e conquistarono. Dopo i ripetuti domini dei veneziani, Comacchio passò sotto il controllo degli Estensi per ritornare nel 1598 sotto la giurisdizione della Chiesa, sotto il cui controllo rimase sino al 1860.
Solitamente Comacchio viene anche definita come la “piccola Venezia” e questo per il gran numero di canali e ponti che la caratterizzano. Il suo nome deriva dal greco “kuma”, onda, o da “commeatulus”, vale a dire raduno di navi.

Da vedere

Numerosi sono i luoghi da visitare a Comacchio, che di certo deve buona parte della sua attrazione turistica anche alla collocazione geografica, nella zona delle omonime valli, una importante riserva ecologica. Per quanto riguarda le ricchezze monumentali da vedere è innanzitutto la Cattedrale di San Cassiano, dedicata al Patrono della città e costruita intorno al 708, sebbene il monumento oggi visibile sia il risultato di un rifacimento. Molto caratteristici sono chiaramente i ponti di Comacchio, costruiti per volere dei Legati Pontifici ed aventi la funzione di mettere in collegamento le diverse zone della città; particolarmente importante “Trepponti” o Ponte Pallotta, costruito nel ‘600, il quale congiunge Pallotta al centro della città. Da vedere sono anche il Ponte degli Sbirri, costruito tra il 1631 e il 1635, e noto anche come “ponte delle Carceri”, il Ponte del Carmine e Ponte Pizzetti, tra i più importanti di Comacchio e situato a lato della Chiesa del Carmine, e il Ponte del teatro anch’esso del ‘700, il quale mette in collegamento Via Cavour e Via Carducci. Da vedre anche le aree verdi, ovvero la Pineta Demaniale del Po di Volano, situata nella parte sud-est della foce del Po di Volano e di circa 170 ettari, e la Riserva Naturale dello Scannone, situata a nord-est del Lido di Volano. Per quanto riguarda la tradizione gastronomica, la cucina di Comacchio si caratterizza per piatti a base di pesce in particolar modo di ostriche, frutti di mare, vongole, astici e gamberetti; tra i primi troviamo infatti i risotti di mari, gli spaghetti ai granchi e le zuppe di pesce, oltre al noto risotto di anguille e al Brodetto alla comacchiese, detto anche “a bac d’éasen”, il tutto accompagnato dai vini della zona, ovvero l’Uva d’Oro. Tra gli eventi cittadini più importanti ricordiamo la Festa di S. Cassiano e la Sacra del Vino di Bosco.

Foto di Comacchio

Località nella stessa regione

Strutture in rilievo