Cerca
headregioni
News ed eventi

CrackPocalypse: dal 21 al 24 giugno a Roma

Si terrà dal 21 al 24 giugno a Roma, presso le gallerie del Forte Prenestino, l’ottava edizione di CrackPocalypse, evento tutto dedicato al mondo dei fumetti e dell’arte disegnata. Per ben [...]

Leggi tutto >>

Il Salone del Cioccolato: dal 22 al 25 marzo a Ostia

Si terrà dal 22 al 25 marzo la prima edizione del Salone del Cioccolato di Ostia, un evento interamente dedicato al mondo del cioccolato ed organizzato dal Museo del Cioccolato [...]

Leggi tutto >>

Yo!Urban Dance Fest: dal 18 al 20 marzo a Roma

Ritorna dal 18 al 20 marzo al Palacavicchi di Roma, l’appuntamento con Yo!Urban Dance Fest, il festival interamente dedicato al mondo dell’hip-hop e della nuova gestualità metropolitana. Dopo il grande [...]

Leggi tutto >>

Informazioni turistiche su Sperlonga

Situata sulla lingua di terra di Monte San Magno, Sperlonga deve il suo nome alle grotte naturali, le sperluncae, che caratterizzano quest’area. Le sue origini sono piuttosto antiche e vantano un “sapore” mitico, visto che secondo alcuni studiosi la città deriverebbe dalla misteriosa Amiclae, la mitica città fondata dai Laconi. Tuttavia furono i Romani a dare impulso al suo sviluppo urbanistico ed architettonico, realizzandovi delle splendide residenze che ben presto diventarono il centro dell’otium dei ricchi romani, qui attratti dalle bellezze del litorale.
All’Imperatore Tiberio si deve infatti la costruzione di un’imponente villa all’interno della quale era inglobata anche una grotta dove furono poste pregiate opere in marmo che avevano come tema la celebrazione delle gesta di Ulisse. Dopo la caduta dell’Impero Romano, Sperlonga visse un periodo di decadenza sino a quando venne rasa al suolo nel 1534 dalle orde di Kaireddin Marbarossa, un pirata turco a quel tempo al servizio dell’Impero Ottomano.
Una sorta di rinascita o di svolta per Sperlonga si ebbe a cavallo tra l’700 e l’800 quando la città assunse la sua tipica struttura a forma di testuggine, conoscendo inoltre un nuovo periodo di sviluppo architettonico. Vennero costruiti palazzi e chiese, mentre l’economia rifioriva grazie all’ottima produzione agricola, sebbene il vero e proprio boom si ebbe solo nel 1957 grazie soprattutto alla costruzione della litoranea Terracina-Gaeta che consentì al borgo marino di farsi conoscere e di diventare in breve una delle località turistiche più apprezzate del Lazio.

Da vedere

La visita a Sperlonga deve iniziare senza dubbio dal suo caratteristico intreccio di stradine e vicoli, lungo i quali è facile imbattersi nei resti di antiche costruzioni, ammirando allo stesso tempo il magnifico paesaggio naturale fatto di spiagge, laghi e monti.
Tra le prime cose da visitare ci sono le Torri che nel Medioevo erano state edificate per difendersi dagli attacchi dei Saraceni. Originariamente erano 4 le costruzioni: la Torre Centrale e la Torre del Nibbio, oggi incastonate tra le case del centro storico, la Torre Truglia, eretta sui ruderi di una precedente torre romana e più volte ricostruita e la Torre Capovento, che si erge a pochi chilometri dal paese sull’omonimo strapiombo.
Tra gli altri luoghi da ammirare, oltre alla Villa di Tiberio e alla sua bellissima Grotta, vanno ricordati anche il Museo, la Chiesa di S. Mariae de Speluncae e i numerosi castelli presenti in zona, mentre gli amanti della natura avranno solo l’imbarazzo della scelta tra spiagge, laghi, promontori e parchi. Da vedere nei dintorni anche i castelli e le abbazie che caratterizzano il territorio da Montecassino a Fossanova, il Tempio di Giove di Terracina e la bella costa sino al Circeo.
Tra i prodotti tipici del luogo si ricorda il celebre sedano bianco, mentre tra i piatti della gastronomia locale, non si può non assaggiare la panicella di Sperlonga, un dolce pasquale a base di farina, uova, latte, liquori e semi di anice.

Foto di Sperlonga

Località nella stessa regione

Strutture in rilievo