Cerca
headregioni
News ed eventi

Domu Noa: dal 5 al 14 novembre a Cagliari

Prima edizione di Domu Noa evento interamente dedicato al mondo della casa che si terrà dal 5 al 14 novembre presso la fiera Internazionale della Sardegna a Cagliari. Una manifestazione davvero [...]

Leggi tutto >>

Mondo Ichnusa 2011 a Quartu Sant’Elena

Si rinnova anche quest’anno, dal 14 al 16 luglio, l’appuntamento con Mondo Ichnusa, che si svolgerà presso la spiaggia del Poetto di Quartu Sant’Elena, in provincia di Cagliari. Un grande appuntamento [...]

Leggi tutto >>

European Jazz Festival da 26 al 29 maggio a Cagliari

Si rinnova anche quest’anno l’appuntamento con la grande musica grazie all’European Jazz festival che si svolgerà dal 26 al 29 maggio a Cagliari. Una manifestazione che dal 2004, anno del [...]

Leggi tutto >>

Informazioni turistiche su Medio Campidano

La provincia di Medio Campidano è stata istituita solo di recente, nel 2004, grazie alla “fusione” di Comuni prima facenti parte delle Provincie di Oristano e di Cagliari. Per l’esattezza sono circa 28 i Comuni di quest’area che si estende per 1.502 chilometri quadrati e suddividibile in tre parti che, a loro volta, individuano tre diversi ambienti naturali . Proprio al centro si trova la pianura del Campidano, caratterizzata dalla presenza di pregiate colture agricole, ad est ci si imbatte invece nelle colline della Marmilla, con i suoi piccoli insediamenti rurali, mentre ad ovest si trova il rilievo montuoso del Linas, un esteso rilievo caratterizzato, a ridosso del mare, da estesi deserti sabbiosi.
Una delle caratteristiche più preganti di questo territorio sono le giare, ovvero vasti altopiani di origine vulcanica che serrano all’interno il territorio del Campidano, creando una serie di piccoli “isolotti”. Tra le più famose bisogna ricordare la Giara di Gestruri, dove è ancora possibile ammirare i famosi cavallini selvaggi, mentre è impossibile non visitare il Monte Linas, un massiccio montuoso di formazione granitica presso il quale si trovano numerosi giacimenti minerari, soprattutto di zinco e piombo.
Una natura bella e incontaminata alla quale è possibile associare anche un vastissimo patrimonio culturale e soprattutto archeologico. Si perché sono numerosi i monumenti, le chiese, le dimore medioevali, gli ermi ed i santuari visitabili in questa regione, capace di offrire ai propri visitatori davvero mille volti diversi.

Da vedere

Per quanto concerne i monumenti da vedere, da non perdere è la Chiesa di San Sebastiano Martire, del XVI secolo, ma costruita su resti molto più antichi, la Chiesa di Barumini, di Gesturi, mentre tra i musei da visitare sono quello archeologico di Villa Abbas, il Museo Etnografico casa Dona Maxima a San Gavino Monreale, e il Museo demoetnoantropologico Dea Luna di Lunamatrona. Impossibile, comunque, elencare le mille piccole perle che potrete vistare nei diversi comuni dell’area che vanno quindi scoperti singolarmente.
Alla grande varietà naturale e storica della regione, corrisponde una grande diversità eno-gastronomica che trova comunque fondamento nelle antiche tradizioni culinarie. Tra i piatti tipici si possono ricordare la “Faa e Lard”, il “Su Trigu cottu” o la “Su Civraxiu”.

Foto di Medio Campidano

Località nella stessa regione

Strutture in rilievo

Agriturismo Alba Chiara
Agriturismo arbus