Cerca
headregioni
News ed eventi

Il Palio dei Normanni a Piazza Armerina

Una delle feste e delle tradizioni siciliane che avviene ogni anno a Piazza Armerina, in provincia di Enna, è il Palio dei Normanni: una rappresentazione o meglio una rivisitazione in [...]

Leggi tutto >>

Fashion Art Sposi: dal 13 al 15 gennaio a Taormina

Torna a Taormina dal 13 al 15 gennaio l’appuntamento con Fashion Art Sposi, l’evento dedicato a tutte quelle coppie che hanno in progetto di sposarsi. La manifestazione giunge quest’anno alla [...]

Leggi tutto >>

ExpòGep: Salone Mediterraneo della Gelateria, dal 21 al 24 ottobre a Catania

Si terrà dal 21 al 24 ottobre a Catania ExpòGep, fiera dedicata a gelateria, pasticceria e panificazione nel territorio mediterraneo. Una grande ed unica occasione, quindi, per scoprire le novità [...]

Leggi tutto >>

Informazioni turistiche su San Vito lo Capo

Comune di circa 4.000 abitanti, San Vito Lo Capo si trova nella parte più estrema del Capo omonimo, su di un punto che guarda al Golfo di Castellammare e il cui territorio è occupato per buona parte dalla Riserva Naturale dello Zingaro. La sua storia ha inizio nel corso del Settecento, nel territorio demaniale ericino, alle falde di Monte Monaco nella baia ricompresa tra Capo San Vito e Punta Solanto, sebbene esistano alcune tracce di epoche precedenti che fanno pensare che questo territorio fosse già abitato e caratterizzato dalla presenza di alcuni nuclei urbani, come ad esempio l’antica e misteriosa borgata di Conturrana. Comunque, il nucleo generatore di San Vito Lo Capo è l’attuale Santuario, una fortezza che nel corso dei secoli ha subito numerosi rifacimenti e la cui prima costruzione risale al’300 , quando venne costruita una piccola cappella in onore di San Vito martire, il patrono del borgo marinaro. Secondo la tradizione, infatti, il giovane Vito per fuggire ai rigori della decima persecuzione ordinata da Diocleziano e alle ire del padre Ila e del prefetto Valeriano, decise di scappare via mare da Mazara, approdando sulla costa della Punta, in territorio Monte Erice. Qui cominciò a predicare la parola di Dio e in breve conquistò l’affetto degli abitanti del luogo, favorendo contemporaneamente lo sviluppo di centri urbani.

Da vedere

Da vedere, oltre al caratteristico borgo marinaro, è sicuramente la bella Chiesa Madre, costruita nel XVII secolo sulla fortezza edificata in difesa del nucleo cittadino, la Cappella di Santa Crescenza, del XVI secolo edificata in onore della nutrice di San Vito, la Tonnara del Secco, con i suoi eleganti edifici situati ad appena tre chilometri dal centro abitato, e le numerose torri di avvistamento, costruite per segnalare la presenza di navi nemiche ed assicurare un’adeguata protezione al nucleo urbano.

Gastronomia

Il piatto rappresentativo di San Vito Lo Capo è il cous cous di pesce che ha anche ispirato una delle manifestazioni più importanti del territorio sanvitese, il “Cous Cous Fest”, manifestazione conosciuta ed apprezzata non solo in Italia soprattutto per il suo tentativo di celebrare non solo la gastronomia ma anche i valori della fratellanza.
In generale nella gastronomia locale a parla da padrone è il pesce che si può gustare davvero in mille modi. Da segnalare i risotti alla marinara, gli spaghetti ai ricci di mare , le cascatelle al brodo di pesce o la pasta con pescespada solo per citarne alcuni. Imbarazzo di scelta anche per i secondi e per i dolci, quest’ultimi molto conosciuti ed apprezzati.

Foto di San Vito lo Capo

fotogalleryfotogalleryfotogalleryfotogallery
Powered by

Località nella stessa regione

Strutture in rilievo

B&B Chiedilaluna
Bed and Breakfast San Vito Lo Capo

B&B KALURA
Bed and Breakfast san vito lo capo

Trigrana B&B
Bed and Breakfast San vito lo capo