Cerca
headregioni
News ed eventi

Turismo in Trentino Alto Adige: tante le possibilità, ma divertimento unico

Viaggiare è da sempre una delle passioni più diffuse: sono molte infatti, le persone che ogni anno, durante le vacanze estive e quelle invernali, decidono di mettersi in viaggio nella [...]

Leggi tutto >>

SudTirol Classic a Bolzano la 26a edizione

Festeggerà quest’anno la sua ventiseiesima edizione il SudTirola Classic, evento dedicato alle auto d’epoca, che si svolgerà dal 10 al 17 luglio a Bolzano. Un festival dall’antica storia e dalla [...]

Leggi tutto >>

Carnevale asburgico a Madonna di Campiglio

Come ogni anno, anche per il 2011 Madonna di Campiglio fa un salto indietro nella storia grazie al Carnevale Asburgico che si svolgerà dal 6 all’11 marzo. Un evento unico [...]

Leggi tutto >>

Informazioni turistiche su San Candido

Comune di 3136 abitanti, San Candido fa parte della Provincia Autonoma di Bolzano e si colloca nella regione dell’Alta Pusteria. Il comune si situa nei pressi della sella di Dobbiacco, il che significa che dal punto di vista territoriale il comune, insieme a quello di Sesto, non fa parte della geografia italiana in quanto appartiene al bacino idrografico del Danubio. Il suo nome deriva dal vocabolo latino “Indius” attraverso la forma “Intica”, mentre la denominazione italiana si ispira al compatrono della collegiata. Il borgo di San Candido si è sviluppato essenzialmente intorno al monastero fondato dal Duca Tassilone III di Baviera intorno al 769 ed edificato con lo scopo di contrastare l’avanzata degli slavi a quel tempo ancora pagani. Per secoli la dipendenza dal potere ecclesiastico rimase forte, il che creò delle difficoltà anche quando si fece il primo tentativo di trasformare San Candido in un centro commerciale importante. Nel 1918 la spartizione del Tirolo tra l’Austria e l’Italia avrebbe dovuto lasciare San Candido agli austriaci , ma per motivi di ordine militare venne assegnato all’Italia che ne fece un’importante sede di organi militari e amministrativi.

Da vedere

Tra i primi edifici da vedere in città va segnalata la Collegiata di San Candido e Corbiaro, attualmente considerato come il monumento romanico più importante del Sudtirolo. Venne edificata nel 1043 sul luogo ove sorgeva un antico monastero benedettino, a sua volta edificato per convertire gli slavi, a quel tempo pagani, al rito cristiano. L’edificio è stato restaurato nel 1969 ma ha conservato il suo impianto originale, così come le numerose opere artistiche che caratterizzano il suo interno. Come un magnifico gruppo ligneo della Crocifissione risalente al’200.
Da vedere è anche la Chiesa del Convento dei Francescani affacciata sul Rio Sesto e consacrata a San Leopoldo. La costruzione della chiesa viene ricondotta ai frati francescani che qui si insediarono nei primi anni del ‘600 dando vita al Convento e consolidando la presenza del proprio ordine in questa zona. Tra gli altri edifici religiosi si segnala la Chiesa Parrocchiale di San Michele, del XIII secolo , e la Cappella di Altotting e del Santo Sepolcro, costruita da Georg Paprion in seguito ad un viaggio in Terra Santa e riproducente in miniatura il Santo Sepolcro sul Calvario di Gerusalemme.
Da vedere sono anche i Bagni Wilbad, un complesso roccioso, il Museo Dolomythos che oltre ad esporre reperti minerali e fossili raccoglie anche molte testimonianze relative ai miti e alle leggende della zona, mentre appena poco distante dal nucleo urbano è possibile fare delle belle escursioni nel Parco Regionale Dolomiti di Sesto.

Foto di San Candido

Località nella stessa regione

Strutture in rilievo